Seguici su:

01/07/2021

Comparto moda: le imprese devono poter sostenere le maestranze artigiane

(Alessandro Conte, Presidente CNA Veneto)

Conte, Presidente CNA Veneto: «Il mantenimento del blocco dei licenziamenti del comparto moda non è risolutivo: necessario supportare le aziende con misure concrete per evitare che i problemi si ripropongano tra qualche mese». Ribon, Segretario CNA Veneto: «L’esperienza artigiana è un capitale prezioso: le imprese devono essere messe in condizione di mantenere le maestranze senza dispersione di professionalità»

Siglato, dopo un lungo confronto tra il Governo e le parti sociali, l’accordo sullo sblocco selettivo dei licenziamenti. L’intesa prevede l’utilizzo degli ammortizzatori sociali esistenti e mantiene il blocco per il settore tessile che include la moda e il calzaturiero sino al prossimo 31 ottobre.

Già con la fine di aprile scorso, la Regione Veneto, aveva lanciato l’allarme per 12mila posti di lavoro del comparto (più del 10% del totale degli addetti del settore) di cui 2,5 mila impiegati nel settore calzaturiero, una filiera tutta veneta, vitale a livello nazionale per il settore moda di qualità ed alto livello, per il quale le competenze, le maestranze e la professionalità artigiana portano il Made in Veneto ed il Made in Italy nel mondo.

Secondo il Tavolo Veneto della Moda, prima della pandemia i dati del comparto riportavano a livello nazionale la presenza di oltre 65mila imprese con 600mila addetti.

In Veneto vi erano 9.500 unità produttive a copertura del 17,6% del totale del manifatturiero per un fatturato che si attestava al 18% sul nazionale con 18 miliardi di euro.

Il Covid ha impattato negativamente sul settore con un mancato ricavo pari a 22,6 miliardi di euro legati in gran parte al drastico calo delle esportazioni e sono state 6.500 le imprese “perse” a causa della pandemia.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Leggi anche:

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

In Veneto le esportazioni hanno subìto una contrazione del 9,9% (dati Veneto Lavoro) e non si è ancora attivata la ripresa, mentre la cassa integrazione ha registrato un aumento del 1.850% nei primi 11 mesi del 2020.

«Il decreto pone l’accento sulla difficoltà di una filiera nella quale le imprese artigiane sono risorsa vitale – commenta Alessandro Conte Presidente CNA Veneto –. Il mantenimento del blocco dei licenziamenti del comparto moda è senz’altro una misura a tutela dei lavoratori, ma non impedirà che gli stessi problemi si ripropongano tra alcuni mesi se non si attivano misure concrete di sostegno e ripartenza per le imprese.

Ora sono necessarie politiche concrete per tutelare la filiera come sostegno al Made in Italy e iniziative di supporto per consentire alle maestranze di sopravvivere e di non disperdersi in altre esperienze professionali».

«In questa fase tanto delicata – sottolinea il Segretario CNA Veneto Matteo Ribon è importante mantenere i rapporti in un’ottica di fattivo dialogo con gli enti locali.

Le maestranze artigiane sono il vero capitale delle imprese e ci vogliono anni di esperienza per arrivare ad una formazione completa nel settore.

A maggior ragione sono necessarie ora più che mai misure condivise che consentano alle imprese di non disperdere questo prezioso capitale professionale».

Redazione Cuoreeconomico
(Riproduzione riservata)

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com
WHATSAPP Redazione CUOREECONOMICO: 327 7023475
Per Info, Contatti e Pubblicità scrivere a: customer@esg89.com