Seguici su:

Confartigianato Lombardia, costi materie prime +36%, prezzi di vendita ai livelli del 1995

Il Presidente del Gruppo Regionale Arredo di Confartigianato Lombardia Giampiero Conti: «Il settore del legno più penalizzato dai rincari, per ora le vendite non sono state scoraggiate ma la tendenza ci preoccupa»

Materie prime, rincari del 36,4% su base annua, la preoccupazione di Confartigianato Lombardia. Il Salone del Mobile 2021 ha chiuso i battenti ed è l’occasione di riflettere sul tema chiave del momento.

L’Osservatorio MPI di Confartigianato Lombardia ha realizzato un focus sul settore del legno e arredo.

Sui prezzi al consumo agisce, a monte della filiera produttiva, la pressione dei prezzi delle materie prime: a luglio i prezzi in euro rilevati dalla Banca centrale europea per le materie prime non energetiche segnano una crescita del 36,4% su base annua, per quelle non alimentari i prezzi sono in salita del 45,5%, seppur in decelerazione rispetto al 52,1% di giugno.

Le attese sui prezzi di vendita delle imprese manifatturiere toccano livelli che non si registravano dal 1995.

La pressione sui costi degli input produttivi è diffusa settorialmente, con maggiori accentuazioni per le imprese di legno e mobili, seguite da metallurgia e prodotti in metallo, tessile, carta, gomma e materie plastiche, oltre che per quelle delle costruzioni.

All’escalation dei prezzi si associa la rarefazione delle materie prime, conseguente alla difficile ricomposizione delle filiere globali dopo le rotture causate dalla pandemia.

«L’aumento del prezzo delle materie prime ha implicato il rialzo dei prezzi finali delle lavorazioni delle imprese operanti nel settore legno-arredo senza, al momento, aver scoraggiato le vendite - afferma il Presidente del Gruppo Regionale Arredo di Confartigianato Lombardia Giampiero Conti - Questa tendenza però ci preoccupa, soprattutto se durerà ancora a lungo.

In attesa di capire cosa accadrà, ragionando sull’oggi possiamo parlare di ripresa del settore, incentivata dai bonus e altre misure statali.

Inoltre i ripetuti lockdown, l’ampio ricorso allo smart-working e le limitazioni imposte agli spostamenti, che hanno comportato una maggior permanenza presso le abitazioni private, hanno contribuito a spingere i consumatori ad investire in mobili per migliorare, o rendere più confortevole, l’aspetto della propria casa».

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Leggi anche:

    - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

    A giugno 2021 il commercio al dettaglio registra una battuta d'arresto per mobili, articoli tessili e arredamento (-0,2%), diversamente dalla dinamica registrata da tutti gli altri prodotti non alimentari, giochi esclusi.

    Nello stesso periodo di un anno fa (giugno 2020) accadeva esattamente il contrario e questi prodotti figuravano tra i pochi (4) a registrare variazioni tendenziali positive e di recupero rispetto a giugno 2019 (+10,4%).

    Sul fronte del green e della sostenibilità ambientale le imprese del settore legno-arredo mostrano un'attenzione e una sensibilità maggiore rispetto alla media, con una quota di imprese che hanno intrapreso almeno una azione di tutela dell’ambiente pari al 74,3%, sopra di 2,9% alla quota media totale (70,5%).

    Anche sul fronte competenze si coglie un’attenzione maggiore verso il tema: la quota di imprese lombarde del settore che ricerca personale dotato di green skill, di tutti i livelli, si attesta all’80,7%, sopra di 2 punti alla quota media (78,7%), mentre quelle orientate alla ricerca di profili più alti si attesta al 39,5%, sopra di 4,6 punti rispetto alla quota media (35,0%).

    La pandemia, come noto, ha dato una gran spinta alla diffusione del digitale nelle imprese. In quelle del settore del legno-arredo la quota di imprese che hanno effettuato almeno un investimento nell’ambito sale di 18,1 punti, slancio maggiore rispetto a quello rilevato per il totale di 12,3 punti.

    Redazione Cuoreeconomico
    (Riproduzione riservata)

    Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com
    WHATSAPP Redazione CUOREECONOMICO: 327 7023475
    Per Info, Contatti e Pubblicità scrivere a: customer@esg89.com