Seguici su:

Crociani: ’Per un’economia più moderna e capace di incentivare l’innovazione e lo sviluppo sostenibile’

(Tiziana Crociani, Ti Style iT)

La velocità di ripresa sarà sicuramente condizionata dalla nostra volontà di essere “costruttori” effettivi e da tutti quegli strumenti indispensabili che dovremmo avere a disposizione quali: procedure chiare e semplificate, normative semplici e snelle, una fiscalità meno bloccante, incentivazioni concrete e mirate, uno stimolo agli investimenti consistente e razionale

Siamo giunti ormai da qualche giorno nel nuovo anno e non possiamo lasciarci alle spalle il 2020, decisamente sui generis, senza fare qualche riflessione su ciò che ci ha travolti, con l’unica finalità di guardare al futuro in maniera prospettica e ottimistica.  

Il primo a darci lo spunto a riguardo è stato proprio Il Presidente della Repubblica Mattarella il quale in maniera provocatoria ma fattiva, in occasione del suo discorso di capodanno ci ha parlato di “costruttori” per “porre le basi di una stagione nuova”.  

Saggio monito che deve toccare la sensibilità ed il senso di responsabilità di tutti.  

Ognuno di noi, a proprio modo e secondo le proprie possibilità, deve proporre la propria visione per una ripresa inclusiva, per una economia più moderna e capace di incentivare l’innovazione e lo sviluppo sostenibile.

La crisi sanitaria ha provocato un repentino cambiamento degli scenari così come siamo tutti consapevoli che i prossimi mesi (per essere ottimistici) risentiranno dello shock economico generale.

Ebbene abbandoniamo ogni retorica inutile e non produttiva e cogliamo questa occasione per impostare una crescita economico-generazionale costruttiva e proficua.

Noi imprenditori abbiamo il compito di guardare al futuro in maniera positiva cogliendo tutti quegli stimoli che ci consentano di concretizzare nuove visioni ed opportunità strategiche, che possano contribuire alla ripresa ed alla crescita di un’economia sicuramente più evoluta e moderna.

Per fare questo avremo sicuramente bisogno di misure governative concrete e snelle a sostegno dell’economia e di contrasto alla crisi.  

La velocità di ripresa sarà sicuramente condizionata dalla nostra volontà di essere “costruttori” effettivi e da tutti quegli strumenti indispensabili che dovremmo avere a disposizione quali: procedure chiare e semplificate, normative semplici e snelle, una fiscalità meno bloccante, incentivazioni concrete e mirate, uno stimolo agli investimenti consistente e razionale.

Un utilizzo equilibrato, mirato e sostanziale del Recovery Fund potrebbe essere già un buon punto di partenza se supportato da una semplificazione delle procedure e delle regolamentazioni volte a rilanciare le attività produttive.  

Di Tiziana Crociani (Ti Style iT)

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com
Per Info, Contatti e Collaborazioni, scrivere a: risorse@esg89.com
OPPURE https://www.esg89.it/it/opportunities.php