Seguici su:

15/01/2021

Enti locali, Castelli: “Ristrutturiamo il debito dei comuni italiani. Più risorse a investimenti e spesa sociale”

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il DPCM sulla costituzione dell'Unità di Coordinamento per la riduzione dell'onere del debito degli Enti Locali, dando così avvio una operazione di portata storica, mai realizzata prima, a cui abbiamo lavorato con grande determinazione ed intensità in questi anni.

Finalmente i Comuni potranno liberare risorse importanti, da destinare a maggiori investimenti ed a spesa sociale.

La rapida discesa degli interessi, per la contrazione di mutui destinati agli investimenti degli Enti Locali, infatti, ha reso particolarmente oneroso il servizio del debito dei mutui contratti pochi anni fa, ovvero una spesa per interessi ormai disallineata con gli attuali andamenti dei mercati finanziari.

Quello che è possibile per una famiglia italiana, la surroga del proprio muto, è un’operazione non facilmente realizzabile per un Comune italiano, a causa delle penalità previste per l'estinzione anticipata.

Non solo. Ai Comuni non è consentito costituzionalmente di indebitarsi per ristrutturare il proprio debito, poiché ciò è consentito solo per spese di investimento.


Con l'accollo del debito a carico dello Stato gli Enti Locali pagheranno le rate di ammortamento a quest'ultimo, ma a sua volta lo Stato, non avendo i limiti contabili dei Comuni, potrà rinegoziare il complesso dei mutui.


Verranno estinti quindi i vecchi mutui con apertura di nuove posizioni, ma con oneri finanziari complessivi minori.

Risparmiano i Comuni, risparmia lo Stato. Risparmiano soprattutto i cittadini”. Così il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli.

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com
Per Info, Contatti e Collaborazioni, scrivere a: risorse@esg89.com
OPPURE https://www.esg89.it/it/opportunities.php