Seguici su:

Il 10 giugno in programma il GLOCAL ECONOMIC FORUM ESG89 INTERNAZIONALIZZAZIONE E DIGITALIZZAZIONE, L’ITALIA GLOBALE

Nel panel dei relatori troviamo rappresentanti delle istituzioni, delle associazioni di categoria, imprenditori, esperti, consulenti e manager di gruppi nazionali e internazionali

Per il 10 Giugno è in programma il GLOCAL ECONOMIC FORUM ESG89 dedicato al mondo dell’Internazionalizzazione e della Digitalizzazione per un Paese sempre più Globale e capace di affrontare la sfida sui mercati mondiali

IL PANEL DEI RELATORI  

Mauro Alfonso, Simest
Claudio Bassoli, Hewlett Packard Enterprise
Luigi Benelli, CUOREECONOMICO
Tommaso Bonaccorsi di Patti, TIM
Federico Broccoli, Biesse
Tiziana Crociani, Ti STYLE iT
Angelo D’Addesa, Ministero per le politiche giovanili
Filippo Dalla Villa, CNA
Raffaele Gricinella, Vodafone
Raffaela Iarrapino, Readytec
Alessia Orsi, Intercent Emilia Romagna
Andrea Pascolini, Urbani Tartufi
Manuel Pincetti, Deloitte
Dino Scanavino, CIA Agricoltori Italiani
Donatella Tesei, Commissione per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione
Donato Todisco, Gruppo Maggioli
Luca Tomassini, Vetrya

DIGITALIZZAZIONE  

La trasformazione digitale come noto è il processo di integrazione delle tecnologie digitali in tutti gli aspetti del business, un processo che comporta cambiamenti sostanziali a livello di tecnologia, cultura, operazioni e generazione di valore.

Per sfruttare al meglio le tecnologie emergenti e la loro rapida espansione nelle attività umane, l’azienda deve sapersi reinventare, trasformando radicalmente tutti i suoi modelli e processi.

La trasformazione digitale richiede, dunque, di spostare l’attenzione verso l’edge dell’azienda e i data center più agili che lo supportano.

Significa anche cambiare la cultura aziendale al fine di supportare l’accelerazione derivante dalla trasformazione digitale.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Leggi anche:

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Digital transformation, quindi, è quel cambiamento organizzativo che parte dalle fondamenta della trasformazione del business digitale.

Questo perché cambiare la natura di un'organizzazione significa cambiare il modo in cui le persone lavorano, sfidando il loro modo di pensare, i processi di lavoro quotidiani e le strategie su cui fanno affidamento.

Sebbene presentino i problemi più difficili, offrono anche i vantaggi più proficui, consentendo ad un'azienda di diventare più efficiente, guidata dai dati e agile, sfruttando più opportunità di business.

Sebbene ciò possa sembrare semplice, la trasformazione digitale può essere un processo complesso e spesso scoraggiante, soprattutto in quei progetti che hanno un impatto importante su ogni aspetto e sezione di un'attività economica, cambiamenti che vanno dall'alto verso il basso, collegando ciascun elemento per creare un'operazione digitale efficiente.

INTERNAZIONALIZZAZIONE  

In un contesto come quello attuale, sempre più interconnesso e globalizzato, le aziende si trovano ad affrontare il processo di penetrazione in nuovi mercati esteri.

Tale processo prende il nome di internazionalizzazione. I motivi che portano le imprese ad aprirsi a nuovi mercati esteri possono essere diversi: rallentamento dei mercati su cui già sono presenti, crescita della concorrenza, o, perché no, nuove opportunità di guadagno.

Qualsiasi siano le ragioni di questa apertura, è necessario decidere che strategie di business intraprendere ed eventualmente farsi supportare da professionisti in questo delicato processo di inserimento. L’internazionalizzazione, infatti, rappresenta l’evoluzione necessaria del modo tradizionale di “fare impresa”.

Molto spesso è l’unica vera alternativa all’implosione del mercato interno, attanagliato da:

  • saturazione dei settori produttivi;
  • concorrenza dei competitors di matrice estera;
  • mancanza di stimoli al consumo;
  • eccessiva burocratizzazione;
  • elevato carico fiscale.

In questo panorama interno negativo e nel post covid, i mercati esteri in rapida espansione “strizzano spesso l’occhio” all’imprenditore italiano e al “Made in Italy”.

L’opportunità è quella di commercializzare i propri prodotti in regime di assoluto monopolio o comunque di scarsa concorrenza, con procedure burocratiche snelle e tassazione semplificata.

L’internazionalizzazione è, quindi, un processo evolutivo naturale dell’impresa, che consente di cogliere nuove opportunità commerciali offerte dal mercato internazionale.

Si parla di internazionalizzazione quando l’impresa svolge una o più delle seguenti attività:

  • produzione all’estero;
  • esportazione e vendita all’estero dei propri prodotti;
  • alleanze con partner stranieri;
  • apporti di capitale di azionisti stranieri;
  • realizzazione di unità produttive in paesi stranieri.

L’internazionalizzazione, inoltre, può costituire la migliore vetrina per l’imprenditore interessato a trovare acquirenti all’estero per la propria produzione o per l’azienda stessa.

In sintesi i temi di confronto del Forum:

Come crescere stabilmente all’estero
Le migliori strategie di Internazionalizzazione
Le Pmi e i mercati esteri: strategie di ingresso
Internazionalizzazione: da opzione a strategia di crescita
La digitalizzazione per le Pmi e la digital trasformation
La digitalizzazione nei processi di marketing e sales
Strategie vincenti di digitalizzazione: l’intelligenza artificiale
Come rendere agili le Pmi attraverso la digitalizzazione
EXPO DUBAI 2021, le opportunità per le imprese italiane

Redazione Cuoreeconomico
(Riproduzione riservata)

Info per GLOCAL ECONOMIC FORUM ESG89 - Internazionalizzazione e Digitalizzazione | L'Italia Globale in programma il 10 Giugno

1

Richiedi informazioni