Seguici su:

Kaitiaki, intelligenza artificiale e machine learning contro cyberbullismo e discriminazioni

Fabrizio Macchia, ad della stratup: «Serve a segnalare ai genitori potenziali situazioni di pericolo sul fronte dei social e a combattere le situazioni di discriminazione»

La passione per la tecnologia ed in particolare per l’intelligenza artificiale ed il machine learning al servizio della società e dei giovani.

E’ il caso di Katiaki, la startup di innovativa nata da una idea di due imprenditori impegnati sul fronte della AI che di fronte alle notizie di attualità hanno deciso di sfruttare le proprie conoscenze per realizzare un progetto “a vocazione sociale”.

(Fabrizio Macchia, AD Kaitiaki)

«Tutto è nato per una serie di coincidenze – spiega Fabrizio Macchia, amministratore delegato della start up – e precisamente quando con un mio socio, durante una riunione di lavoro a Milano, facendo un tratto a piedi per andare alla stazione, ci siamo imbattuti nelle locandine dei giornali che parlavano di cyberbullismo.

Facendo una ricerca tornando a casa, mi sono reso conto della gravità del fenomeno, guardando i numeri. Per nove mesi mi sono studiato il fenomeno relativo alla violenza online, dal cyberbullismo, al revenge porn, al sexting, al body shaming.

Soprattutto siamo rimasti colpiti dal fatto che in oltre il 70% dei casi i genitori non erano a conoscenza di ciò che stava accadendo ai propri figli.

Per cui ci siamo detti: Come possiamo mettere a disposizione le nostre competenze per aiutare i genitori? Da qui è nata l’idea di questa start up che potesse consentire loro di intervenire in tempo: ho coinvolto alcuni soci e dopo aver interpellato anche alcuni dirigenti scolastici per avere una dimensione del problema, è nata Kaitiaki».

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Leggi anche:

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

PER LE SCUOLE, I GENITORI E I RAGAZZI. Kaitiaki ha dunque sviluppato due differenti app, una denominata Kaitiaki Safe, che serve a segnalare ai genitori potenziali situazioni di pericolo sul fronte dei social utilizzate dai figli e un’altra denominata Kaitiaki Edu, che serve a combattere le situazioni di discriminazione mettendo i ragazzi di fronte a situazioni concrete

K-SAFE. Macchia ci tiene a sottolineare che la app destinata ai genitori non viola la privacy dei ragazzi: «Viene scaricata sullo smartphone dai genitori e contestualmente in cloud.

L’intelligenza artificiale ed il machine learning analizzano i post sui social, individuando i messaggi – testi e foto – potenzialmente inappropriati e contestualizzandoli attraverso il “sentiment” fra le persone coinvolte.

Se non sono inserite in un contesto di amicizia, avverte i genitori del pericolo. Tutto questo senza però consentire ai genitori di entrare nei profili social del figlio», sottolinea Macchia

K-EDU. L’educational parte invece da un concetto: «Oltre l’85% dei ragazzi che compiono atti di cyberbullismo non se ne rendono conto, spesso addirittura mettono like a post denigratori solo “perché lo fanno tutti”, senza nemmeno conoscere la vittima. Allora quello che abbiamo fatto noi è renderli consapevoli del problema».

La startup fornisce una serie di strumenti in grado di interagire in modo anonimo con la piattaforma per comprendere se c’è una situazione di problema: «Noi proponiamo ai ragazzi una serie di situazioni rappresentate per immagini, identificabili come possibile teatro di discriminazione e chiediamo loro di rispondere su come si comporterebbero.

In base alle risposte, il software rileva il grado di attitudine ad un certo tipo di atteggiamento negativo, così che i docenti possano esserne consapevoli ed intervenire. Ed inoltre forniamo dei videoclip in cui un esperto si rivolge ai ragazzi per aiutarli a ragionare».

Questo progetto specifico è già stato inviato in test a circa 400 scuole italiane, ma l’azienda ha annunciato l’arrivo di una versione più implementata e coinvolgente per i ragazzi.

Di Emanuele Lombardini
(Riproduzione riservata)

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com
WHATSAPP Redazione CUOREECONOMICO: 327 7023475
Per Info, Contatti e Pubblicità scrivere a: customer@esg89.com