Seguici su:

15/09/2020

Leonardo Pozzoli (Free Luce e Gas): "Con l'Ecobonus si può accelerare sul fronte del risparmio energetico. C'è grande richiesta ed interesse da parte della gente"

(Leonardo Pozzoli, Direttore Commerciale Free Luce & Gas)

Fra i soggetti che operano anche nel settore della green economy c'è anche la Free Luce e Gas di cui è presidente Umberto Paparelli. La società, leader fra i traders nel settore energetico ha sedi a Roma e Terni. Con l’amministratore delegato e responsabile commerciale Leonardo Pozzoli facciamo il punto sul fronte del settore dell’energia, anche alla luce dei recenti provvedimenti del Governo.

Partiamo dalla vostra azienda, qual è il core business?

‘Ci occupiamo di forniture elettriche, su tutto il territorio nazionale. Raggiungiamo famiglie, artigiani, piccole e grandi aziende. Contestualmente facciamo anche attività di risparmio energetico, configurandoci come società che tratta l’energia a 360°. A maggior ragione in questo momento, soprattutto in questa fase, il risparmio energetico diventa un tema di grande attualità, perché nel Decreto Rilancio è prevista una misura per far ripartire il settore dell’edilizia e dell’efficientamento energetico, ovvero l’Ecobonus 110’.

L’efficientamento energetico, la green economy ed in generale l’economia circolare sono temi attraverso i quali passerà necessariamente il rilancio del Paese…

‘Saranno temi molto caldi, argomenti di attualità che ci permettono di vedere il futuro diversamente, sia per il rilancio, che ci auguriamo forte, dell’economia, sia per il miglioramento della qualità della vita. Troppo spesso abbiamo trascurato questi argomenti ed invece sono fondamentali’.

In che modo voi vi occupate di risparmio energetico?

‘Offrendo soluzioni chiavi in mano, che permettano a chi stipula un contratto con noi di effettuare lavori nella propria abitazione ed usufruire del cosiddetto Ecobonus con sconti in fattura, che se ci sono le condizioni fanno diventare questi lavori praticamente a costo zero’.

A che punto siamo su questo fronte in Italia?

‘A livello nazionale sta crescendo la richiesta e la curiosità per queste situazioni, va anche oltre le aspettative, con Terni e Perugia allineati sullo stesso trend. Ci sono tanti progetti in partenza in questo periodo, che hanno ovviamente dovuto aspettare la trasformazione in legge del Decreto Rilancio. Per quanto concerne la parte legata all’Ecobonus a ferragosto sono arrivati i decreti attuativi. Dunque da settembre, da quando è ripartita l’attività in generale, ci si è mossi speditamente per recuperare il tempo’.

La transizione verso la green economy è uno dei punti cardine del piano che il Governo dovrà presentare ad ottobre per ottenere i soldi del Recovery fund. Come siamo messi rispetto all’Europa?

‘L’Italia viene da un recente passato da punto di riferimento nel settore del fotovoltaico. Sul fronte delle energie rinnovabili e dell’efficientamento energetico, il riferimento invece è la Germania. A seguire c’è tutta una serie di nazioni fra le quali l’Italia che sta facendo molto per allinearsi alle direttive. Sta marciando bene, ma con l’Ecobonus c’è la possibilità di accelerare, perché è una misura che nessuno poteva immaginare in questi termini: può essere il trampolino di lancio.  C’è un  problema, che è il fatto che per ora la scadenza è prevista a fine 2021: si parla già di proroghe al 2023, o 2024, ma per adesso non c’è certezza’.

L’Internazionalizzazione sarà il tema del prossimo GLOCAL ECONOMIC FORUM organizzato da ESG89 a Perugia. Anche nel campo del risparmio energetico, si può lavorare per migliorare la competitività delle imprese.

‘L'occhio all'internazionalizzazione, da parte della nostra azienda c'è sempre stato e ci sarà, è un tema fondamentale ed importante per un'azienda come la nostra, anche se in questo momento, per superare la contingenza e in considerazione delle difficoltà che persistono sul fronte degli spostamenti a causa della pandemia, l'attenzione è maggiormente focalizzata sull'Italia. La nostra speranza è che si possa riprendere presto a viaggiare senza restrizioni, così da poter riallacciare anche questo aspetto.

In passato abbiamo avuto moltissime occasioni e abbiamo cercato di utilizzarle tutte, contiamo di tornare a farlo perchè l'espansione verso l'estero è necessaria. Abbiamo una società nel nostro gruppo, la  Free Soft & Tech, che produce software informatici legati al mondo dell'energia che prima del lockdown aveva iniziato un progetto finanziato dalla Commissione Europea nell'ambito di Horizon 2020, che la vedeva capofila di una serie di soggetti internazionali per la messa a punto di un progetto il cui obiettivo è quello di andare a monitorare linee di alta tensione nei territori in via di sviluppo.

Il primo paese è stato la Repubblica Dominicana, coi nostri tecnici che a Febbraio sono andati in missione a Santo Domingo, per monitorare linee aeree di trasmissione energia per poi far sì che il prototipo possa essere replicato in altri paesi. L'occhio per l'internazionalizzazione dunque è nel nostro Dna’.

Di Emanuele Lombardini

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com
Per Info, Contatti e Collaborazioni, scrivere a: risorse@esg89.com
OPPURE https://www.esg89.it/it/opportunities.php