Seguici su:

Musso: ’Senza un vero cambiamento, temo per il futuro del Paese’

(Stefano Musso, CEO Primeur)

Noi italiani siamo una nazione e un popolo che ha sempre saputo rialzarsi e reagire, con una capacità di fare impresa e innovare molto importante. Lo dimostra il nostro tessuto imprenditoriale! Credo però che noi italiani siamo diventati la generazione del “nonostante”  

Il Presidente Sergio Mattarella ha usato parole condivisibili per quanto concerne il plauso fatto al personale sanitario e a tutti quei volontari che si sono spesi e impegnati in un anno terribile nonostante le infrastrutture sanitarie non fossero pronte ad una situazione come quella che hanno dovuto affrontare.

È indubbia la qualità umana e professionale che hanno saputo dimostrare e che tutti dobbiamo prendere a esempio. 

Sicuramente è un bel messaggio anche il tema dei “costruttori del futuro”, ma il rischio a mio avviso è che rimanga soltanto uno slogan.

Noi italiani siamo una nazione e un popolo che ha sempre saputo rialzarsi e reagire, con una capacità di fare impresa e innovare molto importante.

Lo dimostra il nostro tessuto imprenditoriale! Credo però che noi italiani siamo diventati la generazione del “nonostante”.  

Apriamo delle startup, “nonostante” in italia non esista nessun tipo di incubatore serio o degno di nota come nella maggior parte degli altri paesi.  

Gestiamo con successo aziende, diamo lavoro, creiamo benessere sociale “nonostante” gli aspetti giuslavoristici, fiscali ed economici che complicano la gestione invece che semplificarla.

Facciamo crescere aziende, “nonostante” vengano poi vendute (talvolta svendute) all’estero senza batter ciglio.

Tanti nonostante, che lavorano come una vera zavorra allo sviluppo. È difficile essere costruttori del futuro in questo contesto.  

Tutti questi ‘nonostante’ spesso sono frutto di politiche sbagliate, generate dalle nostre classi politiche attuali e precedenti.  

Ecco perchè, ‘nonostante’ il recovery fund, ho il timore che ci si perderà nella nostra burocrazia, in iniziative spot e in sprechi!   S

enza un vero sistema paese sottostante che sia davvero in grado di aiutare le imprese a generare valore, avremo un rischio altissimo di generare soltanto debito per i nostri figli.

Ad oggi, buona parte dello stato sociale è stato scaricato in qualche modo sugli imprenditori italiani, che se ne sono fatti carico con enorme responsabilità.

Come imprenditore sono ottimista per definizione e nonostante tutto credo che noi italiani abbiamo tutte le carte in regola per poter fare potenzialmente meglio di tanti altri paesi. Dobbiamo avere la forza di cambiare e migliorarci a partire da chi ci rappresenta.  

Dobbiamo avere gente preparata a partire da chi ci rappresenta e allora si che, forse, andrà tutto bene!  

Di Stefano Musso (Primeur)

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com
Per Info, Contatti e Collaborazioni, scrivere a: risorse@esg89.com
OPPURE https://www.esg89.it/it/opportunities.php