Seguici su:

04/11/2020

Sebigas protagonista nel biogas sui mercati internazionali

(Roberto Salmaso, general manager Sebigas)

Formalizzato il passaggio di proprietà dell’azienda nella multinazionale TICA. Grazie a un piano industriale aggressivo e alle sue competenze nel biogas Sebigas si prepara ad essere un player internazionale competitivo del settore energetico sostenibile

Roberto Salmaso, general manager Sebigas ha dichiarato a ‘CUOREECONOMICO’: L’economia circolare, con particolare riferimento al mondo delle energie rinnovabili, rappresenta uno dei settori a maggiore trazione anche nell’ambito delle singole iniziative, sia esse di matrice privata che pubblica. In tal senso SRE è il partner perfetto poiché unisce la capacità di poter servire gli stakeholders nelle analisi e valutazioni tecnico-economiche dei progetti nella loro fase embrionale e autorizzativa affiancandosi, inoltre, dal punto di vista finanziario ove vi siano opportunità da cogliere a supporto della visione strategica di gruppo”.

Sebigas, operatore esperto nel settore del biogas e uno dei principali fornitori di impianti di biogas, entra a far parte ufficialmente del gruppo TICA che conta un fatturato di 830 milioni di euro (2019), circa 3000 dipendenti, 10 stabilimenti produttivi nel mondo e 70 Branchoffices.

Dopo quella di EXERGY avvenuta 10 mesi fa, questa è la seconda acquisizione nel settore dell’energia verde del gruppo TICA assieme a Nanjing Golden Eagle Group, una delle più importanti holding di investimento in Cina attiva nel settore retail, hospitality e real estate con ricavi lordi sulle vendite per 18 miliardi di HKD. Golden Eagle e TICA si sono unite in questo investimento con l’obiettivo condiviso di contribuire attivamente alla transizione delle economie mondiali verso un futuro sostenibile e carbon neutral. Grazie a questo importante passaggio di proprietà, Sebigas, che ha già all’attivo 80 impianti in tutto il mondo per una capacità totale di 70 MWe e un track record di oltre 8.600 ore l’anno di funzionamento, potrà avere ulteriore respiro internazionale.

TICA infatti è presente oltre che in Cina, dove risiede il suo headquarter, anche in Malesia, Australia, Canada, USA, Germania Brasile e in Europa. D’altro canto, il gruppo TICA, con l’acquisizione di Sebigas, si rafforza nel mercato delle energie rinnovabili con l’obiettivo di diventare un’impresa globale leader nella fornitura di tecnologie sostenibili per l’ambiente nel settore HVAC, recupero di calore e rinnovabili. A convincere TICA è stata la capacità di Sebigas di eccellere in settori del biogas dove l’eterogeneità delle biomasse è importante, un plus che consente di affrontare mercati anche geograficamente molto diversi. Inoltre Sebigasvantaskills significative nell’ambito delle tecnologie di applicazione e costruzione di impianti integrati per il trattamento e gestione della frazione organica di rifiuti a scopo energetico.

Facendo leva sulle sinergie e le diverse competenze tecniche il gruppo TICA, con le italiane Exergy e Sebigas, sarà in grado di presentarsi come un operatore forte e molto competitivo nel mercato a livello globale e contribuire con le proprie soluzioni alla produzione di energia sostenibile che si basi su metodologie di riutilizzo di materie seconde e scarti dell’industria e dell’agricoltura, uno degli obiettivi sempre più urgenti e condivisi da governi, comunità scientifica e associazioni impegnate nella lotta al cambiamento climatico.

“Il formale completamento dell’acquisizione di Sebigas da parte del gruppo internazionale TICA rappresenta un importante riconoscimento del valore tecnologico di un marchio italiano che negli anni si è sviluppato nei mercati nazionali ed internazionali – prosegue Roberto Salmaso. In modo particolare trasmette una tangibile fiducia in un team fortemente preparato e desideroso di affrontare le nuove sfide globali e competitive del mercato del biogas e del biometano con i giusti mezzi. Ci poniamo sul mercato con la consapevolezza di aver rappresentato e di essere tuttora un punto di riferimento affidabile per tutti gli stakeholder legati al mondo industriale ed agricolo e grazie a questa acquisizione Sebigas torna, quindi a pieno titolo tra i principali player del settore”.

Sebigas riparte quindi con un piano industriale a 3 e 5 anni ambizioso che prevede un cambio strategico di business – si passerà infatti ad un portafoglio più equilibrato tra i vari settori di applicazione, da 80% agricolo, 10% industriale, 10% waste a un 40% agricolo, 30% industriale e 30% waste – e un incremento di fatturato fino a 10 milioni di euro. Nella strategia di crescita dell’azienda vi è anche la predisposizione all’acquisizione o alla partecipazione in asset strategici nell’ambito della generazione di biometano da sottoprodotti e waste, ambiti anche questi in forte crescita grazie alle politiche incentivanti.

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com
Per Info, Contatti e Collaborazioni, scrivere a: risorse@esg89.com
OPPURE https://www.esg89.it/it/opportunities.php