Seguici su:

Vecchi (Mattino5): ’L’Italia, il paese di (ancora) tanti scrocconi’

(Francesco Vecchi, conduttore di Mattino 5 su Canale 5)

Come gestiremo la ripresa economica e sociale dopo la pandemia? In un paese che fa fatica a distingere tra poveri veri e prestunti, quale sarà la politica del neo Governo Draghi? Assistenza o ripartenza? «I 23 milioni di contribuenti che dichiarano di guadagnare fino a 20.000 euro versano complessivamente allo stato 18 miliardi: circa 780 euro a testa. I 5 milioni che invece dichiarano di guadagnare oltre 35.000 euro versano complessivamente allo stato 90 miliardi: circa 18.000 euro a testa»: numeri e statistiche alla mano, ecco perchè l'Italia non è (ancora) un paese di lavoratori

«In Italia ci sono 25 milioni di persone che lavorano e 35 milioni che non lavorano. A questi 35 milioni togliamo chi ha meno di 20 anni e chi ne ha più di 65. Restano 15 milioni di persone che ogni giorno si alzano e non fanno nulla. Sono troppi».

Francesco Vecchi, conduttore di Mattino 5 su Canale 5 presenterà il suo ultimo libro GLI SCROCCONI nell’anteprima del GLOCAL ECONOMIC FORUM ESG89 dedicato a CREDITO, FINANZA & SVILUPPO in programma mercoledì 24 marzo dalle 16,15 sui canali social facebook e youtube di ESG89 e sulla home di CUOREECONOMICO.   

A pochi giorni dalla nascita del Governo Draghi, incaricato di gestire la ripresa economica e sociale del Paese, si profila chiaramente la posta in gioco: gestire i soldi del Recovery Fund.

E dunque aiutare sì, ma chi? E con quali prospettive? Dopo quali verifiche sull’effettivo stato d’indigenza in un Paese di furbetti? A

nzi, di “scrocconi”, come è più giusto chiamarli? Dati alla mano, in Italia vivere sulle spalle degli altri è piuttosto semplice. Sono moltissimi quelli che scelgono di non lavorare, oppure di farlo ma senza dichiararlo.

Sono quelli che non fanno mai la loro parte, che alzano le mani quando c’è da saldare i conti. Sanità, scuole, pensioni: per loro è tutto gratis. Bonus, aiuti e sgravi fiscali: un tesoretto da arraffare.

In questo libro tagliente e documentatissimo, Francesco Vecchi dimostra che gli scrocconi si moltiplicano mentre il nostro paese, con i suoi 60 milioni di abitanti, si regge ormai su un manipolo di italiani operosi che “tirano la carretta” per tutti: 5 milioni di individui che si spaccano la schiena e che dallo stato ricevono molto meno di quanto versino in tasse (di solito, almeno la metà dei redditi).

Tra sgobboni e scrocconi c’è naturalmente un’ampia via di mezzo, fatta di onesti lavoratori, disoccupati veri e famiglie in reale difficoltà.

Ma in un paese che non sa distinguere tra chi è davvero povero e chi no, anche le misure di giustizia sociale rischiano di alimentare nuova iniquità: iniquità nel premiare il merito, iniquità nel distribuire i carichi, iniquità nel chiedere sacrifici.

Ora che la pandemia di Covid-19 rischia di spezzare la schiena produttiva del paese, l’esigenza di un fisco finalmente equo e sensato è più pressante di qualsiasi altra.

Redistribuire gli oneri dell’attività economica è urgente tanto quanto la lotta alla povertà, che spesso è solo la maschera del lavoro nero e dell’elusione fiscale.

Certo, per i politici è più facile promettere redditi, assegni, bonus e altri aiutini. Ma non potremo mai più aiutare nessuno se gli italiani che lavorano e pagano le tasse si avviano all’estinzione.

Francesco Vecchi, conduttore di Mattino 5 su Canale 5 presenterà il suo ultimo libro GLI SCROCCONI nell’anteprima del GLOCAL ECONOMIC FORUM ESG89 dedicato a CREDITO, FINANZA & SVILUPPO in programma mercoledì 24 marzo dalle 16,15 sui canali social facebook e youtube di ESG89 e sulla home di CUOREECONOMICO.  

1

Richiedi informazioni

Si ringraziano i partner che hanno creduto nel progetto